Festa della lavanda nei borghi del Ponente Ligure

Aggiornato : 20/04/2017 20:55:24
Categorie : Riviera Ligure

Feste della lavanda in Liguria

LA LAVANDA IN LIGURIA

L’entroterra del ponente ligure, in quel arco di valli a ridosso delle Alpi Marittime, che va dal confine con la Provenza fino al Colle di Nava, vanta una ricca tradizione nella coltivazione e distillazione della lavanda. Nelle vicinanze degli antichi borghi liguri di queste valli, così pervase d’incanto e di magia da meritarsi l’ appellativo di Alpi Mistiche, era infatti fiorentissima fino agli settanta la coltivazione di questa nota erba aromatica dal quale si estraeva il prezioso olio essenziale di lavanda.

Erano centri di coltivazione per la distillazione dell’olio di lavanda gli antichi borghi Liguri di Carpasio, Airole, Pigna, Castelvittorio, Rocchetta Nervina, Molini di Triora, Triora, Castellaro, Pietrabruna, Vasia, Dolcedo, Rezzo, Armo, Cosio d'Arroscia. Sebbene la coltivazione intensiva sia stata quasi del tutto abbandonata a favore di altre coltivazioni floreali, sopravvivono ancora alcuni operatori che si occupano della coltivazione e distillazione, a cui Essenza di Riviera si rivolge per gli estratti locali. Inoltre sono tuttora vive e sentite le tradizioni e gli usi popolari legate a questa erba aromatica, tant’è che in estate praticamente ognuno di questi borghi le ricorda con la propria “festa della lavanda”.

Negli ultimi anni vi è stata una riscoperta di questo tema, grazie ad alcune importanti azioni di valorizzazione, come quella svolta dal Museo delle Erbe Aromatiche di Cosio di Arroscia e ed il nostro augurio è che possano sorgere nuove iniziative volte a favorire l’insediamento di nuove coltivazioni di lavanda e nuovi progetti a tutela di questo grande patrimonio naturalistico e culturale.

Un’ipotetica “strada della lavanda”, che rafforzi tali tradizioni e colleghi fra loro questi borghi incastonati nelle colline a ridosso del Parco delle Alpi Marittime, tra il confine francese e il Colle di Nava, potrebbe rappresentare una valida iniziativa per mantenere vivi questi preziosi segreti.

FESTE DELLA LAVANDA NEI BORGHI DELLA RIVIERA LIGURE

I borghi del ponente ligure ogni estate tra luglio e agosto, periodo della raccolta della lavanda, si animano con le tradizionali feste e sagre dedicate alla lavanda e al suo profumatissimo olio essenziale.

La più suggestiva di queste manifestazioni è quella che si svolge a Taggia, nella terza domenica di luglio, che associa la devozione per Santa Maria Maddalena alla raccolta della lavanda. L’antica tradizione ligure e provenzale attesta infatti che Maria Maddalena, prima di giungere in Provenza, soggiornò in una grotta nei boschi di Taggia.

L’origine di questa festa che ha mantenuto tratti misteriosi e ricchi di fascino, è in relazione alla presenza isolata tra i boschi taggesi della “grotta miracolosa” su cui sorse il santuario. I festeggiamenti prevedono processioni e balli rituali eseguiti dalla popolazione e dagli affiliati della Congregazione dei Maddalenanti e vedono l’esaltazione della lavanda come simbolo di purificazione e rinascita.

  • FESTEGGIAMENTI DI S. MARIA MADDALENA - Taggia (terza domenica di luglio) : antico rito popolare dedicato alla Santa Maria Maddalena e alla raccolta della lavanda.
  • FESTA DELLE ERBE NEL BORGO DI ROLLO - Andora (giugno): erbe aromatiche, lavanda, cultura e passione in un bellissimo borgo in mezzo agli ulivi e affacciato sul mare.
  • FESTA DELLE ERBE – Cosio di Arroscia (luglio) l’antico “borgo del benessere” nel comprensorio a ridosso del Monte Saccarello, cima più alta delle Alpi Liguri, allestisce ogni anno la festa delle erbe con ricca esposizione di prodotti a tema e composizioni floreali nei vicoli che si snodano intorno al suo Museo “In Herbis Salus” dedicato alle erbe aromatiche alpine.
  • FESTA DELLA LAVANDA – Colle di Nava (luglio): il paese della storica Lavanda Coldinava, dedica la prima domenica di luglio alla festa, con tanto di banda musicale, marjorettes, giochi e distribuzione dei mazzetti di lavanda per i partecipanti.
  • DISTILLAZIONE DELLA LAVANDA IN PIAZZA - Airole (agosto): rievocazione degli antichi mestieri che svela un carattere provenzale del borgo, con la distillazione in piazza dell'olio di lavanda, con l’ antico alambicco di rame.
  • FESTA DELLA LAVANDA – Pietrabruna (ultima domenica di luglio): anche questo borgo nei pressi di Imperia dedica una festa alla regina delle aromatiche, nel giorno in cui la tradizione vuole che le ragazze del paese vendano per strada il profumatissimo olio essenziale e regalano piccoli mazzi dai fiorellini lilla.

Condividi